• CINEMA
  • BENESSERE
  • INCONTRI
Mooovie
Dieta Club
trova l'anima gemella
QNET Syndication
        

Leggi il giornale         Prova GRATUITA
Scopri le nostre edizioni locali

Politica

PARITA' IN FAMIGLIA

Ok al doppio cognome anche per i figli già nati

La norma approvata in commissione: ciascun coniuge conserva il proprio cognome, e ai figli di genitori coniugati è attribuito, nell`ordine, il cognome del padre e quello della madre". I Verdi: un segno di rispetto per le donne Commenta 

Una famiglia Roma, 2 ottobre 2007 - La Commissione Giustizia del Senato ha approvato oggi la normativa sul nome familiare, che presenta importanti novità rispetto al testo fin qui in discussione. Lo riferisce in una nota il presidente della commissione Cesare Salvi che esprime "grande soddisfazione" per l`approvazione "con una maggioranza molto ampia".


"Sono stati introdotti - spiega - principi di grande civiltà, a partire da quello che prevede la parità sotto ogni riguardo tra figli nati nel matrimonio e fuori dal matrimonio".
"La Commissione - sottolinea Salvi - delega il Governo per l`attuazione concreta del principio di parità tra i figli, una norma che si aggiunge ad altri due principi chiave: ciascun coniuge, dice la nuova normativa, conserva il proprio cognome, e ai figli di genitori coniugati è attribuito, nell`ordine, il cognome del padre e quello della madre".


ANCHE PER I GIA' NATI

E` stata inoltre rivista la possibilità di aggiungere il cognome materno anche ai figli già nati al momento di approvazione della legge, se maggiorenni con il loro consenso.  "Grazie a due proposte dei Verdi anche i figli gia' nati potranno aggiungere al proprio il nome della madre. E' un segno di civilta' e di rispetto per le donne", spiegano Loredana De Petris, Anna Donati e Mauro Bulgarelli.

"Ringraziamo tutti i membri della commissione Giustizia, grazie a loro i nostri emendamenti sono stati approvati a stragrande maggioranza".
Le disposizioni, spiegano i tre senatori del Sole che ride, "stabiliscono che il figlio maggiorenne, al quale sia stato attribuito il solo cognome paterno sulla base della normativa vigente, potra' aggiungere al proprio il cognome materno". Anche nel caso di minorenni, nati prima dell'entrata in vigore della nuova legge e di minori nati dopo, che abbiano fratelli, concludono, "e' possibile l'aggiunta del cognome dell'altro genitore nel caso di domanda congiunta da parte di chi esercita la potesta' genitoriale".

  • 02/10/2007 18:52

    Mi sembra il minimo, in un paese civile, che entrambi i genitori possano dare il cognome ai figli. Non capisco come molti possano essere contrari (vedi il vostro sondaggio): oltretutto alla fine a essere trasmesso è sempre il primo cognome, che rimane quello paterno.
  • 02/10/2007 21:42

    Se tutti i bambini avranno due cognomi, e da adulti daranno il loro cognome ai loro figli... dopo quattro o cinque generazioni ... quanti cognomi saranno scritti al Anagrafe dato che prenderanno i cognomi digli ambedue genitori?
  • 03/10/2007 10:01

    La cosa diventerà ingestibile già dalla seconda generazione con 4 cognomi. Numero cognomi = (2 elevato al numero di generazioni). Sono conti spiccioli che per caso nessuno ha fatto?
  • 03/10/2007 14:15

    Quindi i nostri nipoti avranno 4 cognomi?
  • 03/10/2007 18:27

    con tutti problemi da discutere seriamente, ci mettiamo a parlare sul doppio cognome. Negli Stati Uniti i latino-americani usano da sempre il cognome del padre e basta.
  • 04/10/2007 12:55

    Se vi informaste prima di parlare sapreste che ai figli sarà possibile trasmettere solo uno dei due cognomi
  • 04/10/2007 18:48

    Io mi chiamo A e mia Moglie B. Mio figlio AB sposa la signorina CD, Il loro figlio sarà ABCD e poì..................? E' da vedere come sarà regolamentata la Legge!
  • 05/10/2007 15:55

    All'unica donna intervenuta,oltre me, che si chiede come mai tanti contrari nel sondaggio chiedo... hai notato quanti maschi quasi indignati hanno commentato questo articolo? Da qui si deduce che siamo ancora lontani dall'avere tutti una mentalità che non discrimina le donne
  • 09/10/2007 15:36

    Era ora, forse è una delle poche cose che questo governo abbia fatto.
  • Sono presenti 9 commenti
 

FOTO DEL GIORNO

dini presenta il logo dei liberal democratici

Dini: "Ecco il logo
dei liberal-democratici"

Un cerchio blu notte con l'indicazione 'liberal democratici" in alto, l'abbreviazione in maiuscolo 'LD' al centro e un tricolore in basso con la scritta 'per il rinnovamento'. Questo il simbolo del movimento presentato da Lamberto Dini