Italia News
 TV   FOTO E VIDEO BLOG SERVIZI LAVORO ANNUNCI CASA
PROPOSTE DI LEGGE

La Cucinotta si batte per le mamme:
"Diamo ai figli il doppio cognome"

L'attrice è testimonial della neonata 'Associazione delle mamme' che oggi alla Camera ha presentato le proposte di legge per il doppio cognome e per il recupero obbligatorio del cordone ombelicale alla nascita Commenta

Dimensione testo Testo molto piccolo Testo piccolo Testo normale Testo grande Testo molto grande

Maria Grazia Cucinotta Roma, 9 maggio 2008 - Due proposte di legge di iniziativa popolare, per l'assegnazione del doppio cognome ai figli e per il recupero obbligatorio del cordone ombelicale alla nascita, da utilizzare a fini terapeutici e di ricerca: l'8 giugno si presenterà così ai cittadini l'Associazione nazionale delle mamme.


L'associazione ha fatto il suo esordio politico oggi alla Camera in una conferenza stampa organizzata in collaborazione con il gruppo del Pdl e alla quale ha partecipato l'attrice Maria Grazia Cucinotta in veste di testimonial dell'associazione.

 

Scopo della neonata organizzazione, ha spiegato la presidente Emilia Saugo, sensibilizzare "il governo, il legislatore e tutte le istituzioni affinché si realizzi tutto il necessario perché le mamme si sentano meno abbandonate e meno emarginate".
Cucinotta ha sottolineato da parte sua le difficoltà che accompagnano la maternità: le donne, e le donne lavoratrici, ha detto, "vanno aiutate a diventare mamme. La mamma è importante perché è vita".

  • 09/05/2008 13:34
    marco
    dopo 3 generazioni ditemi quanti cognomi hanno i ns nipotini,la fautrice di quest'idea ditemi di che schieramento politico e' non fosse altro per darmi del coglione se ho votato per quello schieramento
  • 09/05/2008 15:32
    sergio
    Totalmente d'accordo con Marco: e poi che si fa, per evitare di avere 8 cognomi dopo 2 generazioni dovrebbero essere i figli stessi a decidere quale cognome mantenere. E questo li metterebbe davanti a un doloroso dilemma. Sarebbe meglio una legge che consentisse ai genitori di scegliere chi dei due trasmetter
  • 09/05/2008 16:54
    Aldebaran
    Purtroppo e' una associazione in collaborazione con il gruppo del Pdl ( ... ;-)) Completamente d'accordo sul recupero del cordone ombelicale, meno d'accordo sul doppio cognome. Nei paesi del nord europa esite gia' qualcosa di simile, il figlio ha sempre il cognome del padre e della madre; Nel momento in cui ha un figlio, quest'ultimo prendera' il cognome del padre e della madre; ( quindi il nome della madre alla seconda generazione scompare... ) Maaaaaaaa..... delle cose piu' importanti in questo momento in italia non ci sono da fare ?...
  • 09/05/2008 16:59
    if_montecristo
    Cosa non si farebbe per un pò di prezzemolismo mediatico, ormai siamo al fondo della padella e per cavalcare la politica vincente ci si presta a tutto.
  • 12/05/2008 14:44
    silvia
    Non capisco cosa montecristo intenda per" Prezzemolismo" noi tutti dovremmo ringraziare chi si batte per cause importanti tipo la raccolta di cellule staminali importanti per salvare vite umane o doppio cognome per le persone divorziate. La Cucinotta è una delle poche che noi donne abbiamo visto schierarsi sempre ovunque ci fossero cause giuste indipendentemente dal colore politico.
  • 14/05/2008 11:25
    selene salonio
    Immaginate di dover portare per tutta la vita il cognome di un patrigno pazzo e maligno che è stato la fonte di tutte le disgrazie e tragedie della tua vita e quella di tua madre. ogni volta che hai da firmare con quel cognomaccio masledetto, ti viene proprio da vomitare dalla vergogna e dallo schifo. Quindi per me non soltanto il doppio cognome ma la scelta di poter usare solo il cognome materno. Grazie per lo spazio, Sel
  • Sono presenti 6 commenti
 

Cerca  su Quotidiano.net nel Web

LA FOTO DEL GIORNO

Pamela Anderson col figlio Brandon Thomas Lee

Cuore di mamma

Pamela Anderson col figlio Brandon Thomas Lee prima della partita di basket Nba tra Charlotte Bobcats e Lakers al Staples Center di Los Angeles. Ma l'ex bagnina protegge il piccolo dai fotografi o dalla vista delle majorette?