Torna alla home di Quotidiano.net
CANALI
Home Quotidiano.Net | Multimedia

Speciale Bagnaia 2009 giovani e editori

IL PUNTO DEL DIRETTORE

Dalla Bagnaia
un messaggio chiaro:
tutti devono fare
i conti con il web

Piaccia o no, ai giornali e ai giornalisti, alla pubblicità e al mondo che le gira intorno, tutti devono fare i conti con il web. Ora, subito. In teoria, agli stati generali dell’editoria si doveva parlare soprattutto dei giornali di carta: in realtà, Internet ha dominato la scena...

                                                            di Xavier Jacobelli

Dimensione testo Testo molto piccolo Testo piccolo Testo normale Testo grande Testo molto grande

Se qualcuno avesse avuto ancora qualche dubbio, il convegno della Bagnaia l’ha spazzato via: piaccia o no, ai giornali e ai giornalisti, alla pubblicità e al mondo che le gira intorno, tutti devono fare i conti con il web.

Ora, subito. In teoria, agli stati generali dell’editoria che Andrea Ceccherini promuove con l’Osservatorio Permanente Giovani-Editori si doveva parlare soprattutto dei giornali  di carta, del milione e seicentomila ragazzi che leggono il quotidiano in classe, della crisi della pubblicità scaturita dalla crisi globale, dei modi per uscirne. In realtà, Internet ha dominato la scena, obbligando tutti a scervellarsi per capire come convivere con una
realtà che non è il futuro,ma il presente.

 Al di là della vexata quaestio (pagare o non pagare l’accesso alle informazioni in Rete) e di tutte le sue declinazioni che Franca Ferri vi illustra nei suoi servizi dalla Toscana, un dato è incontrovertibile. Il web costringe
prima di tutto la categoria dei giornalisti a cambiare radicalmente i modo di fare il proprio lavoro. La velocità supersonica di aggiornamento delle notizie; la mobilità assoluta dei navigatori che vanno su un sito, lo lasciano, ci ritornano e se ne rivanno; le immagini e i video che costituiscono una parte preponderante dell’offerta Internet; la possibilità immediata di interagire in tempo reale con il sito; i blog, i forum, i network sociali, Facebook e i suoib fratelli.

In Rete c’è di tutto e di più. Non sappiamo se e quando il web farà sparire i giornali, come predicono le  Cassandre di carta né quando la pubblicità diventerà così forte da rendere autosufficienti le imprese dei navigatori. Sappiamo un’altra cosa: chi fa i giornali o cambia il modo di farli o verrà inghiottito da questa rivoluzione mondiale. Che non finisce mai.

di Xavier Jacobelli










Se il codice risultasse illeggibile CLICCA QUI per generarne un altro

 

Kate raggiunge un altro traguardo realeGrandioso debutto a Londra per il Cirque du SoleilBaby panda, la prima volta lontano dalla mammaSauvage, piatti tipici dall'età della pietra
Borgo La Bagnaia

-

Borgo La Bagnaia

-