Italia News
        

Leggi il giornale         Prova GRATUITA
Scopri le nostre edizioni locali

Cronaca

LA SENTENZA DELLA CASSAZIONE

Il lavoro della casalinga è uguale a quello svolto fuori

La sentenza parifica l'attività svolta in casa a quella fatta fuori per poter quantificare l'assegno di mantenimento della donna  Commenta

Dimensione testo Testo molto piccolo Testo piccolo Testo normale Testo grande Testo molto grande

Roma, 15 gennaio 2008 - L' attività della casalinga può essere considerata alla pari del lavoro esterno.E' quanto emerge da una nuova sentenza della Cassazione. Il giudice, per determinare l'assegno di mantenimento, deve tener conto del lavoro svolto dalla moglie rimasta in casa mettendolo sullo stesso piano di quello fatto fuori casa dal marito. Ciò perché entrambe le attività hanno permesso la costituzione del patrimonio familiare e anche perché il fatto che la donna si sia dedicata alle attività domestiche ha consentito la realizzazione professionale di lui e reso più difficile per lei inserirsi nel mercato del lavoro ad una certa età.

 

E' il contenuto della sentenza numero 593 depositata il 14 gennaio 2008 dalla prima sezione civile della Suprema corte. Gli 'Ermellini' hanno accolto il ricorso incidentale di una donna che, dopo essersi separata, aveva cercato di reinserirsi a 45 anni nel mercato del lavoro trovando soltanto posti precari e dovendosi poi licenziare per una brutta depressione. Lei chiedeva che fosse rideterminata la somma dell'assegno di mantenimento quantificata dalla Corte d'appello di Roma. La Suprema corte ha condiviso le sue ragioni cassando la sentenza della corte Territoriale capitolina dal momento che, si legge in sentenza, "non ha fatto alcuni riferimento al contributo che la donna, casalinga e madre, aveva apportato alla conduzione familiare durante la ventennale convivenza, né ha manifestato l'intenzione di considerare comunque prevalente il criterio basato sulle condizioni economiche delle parti".

 

Inoltre, il giudice che si trova a dover determinare un assegno di mantenimento dovrà tener conto dell'apporto economico di entrambi i coniugi, considerando che quello della moglie casalinga non è inferiore a quello del marito lavoratore.

  • 15/01/2008 19:17

    Non hanno proprio niente da fare,questi giudici, per mettersi a cianciare sull'ovvio. Una colf che cucina o fa le pulizie, un ragioniere che controlla conti e fa scelte economiche,una assistente di asili o scuole, ecc. ecc. sono persone che lavorano.....una casalinga che in genere fa tutto questo, e di più, cosa sarebbe?? un'obbista??? si occupassero della spazzatura di Napoli e dintorni, che è molto più utile....
  • 17/01/2008 08:13

    Giusta la sentenza anche se ritengo che la sig.ra, per inserirsi nel mondo del lavoro, potrebbe fare lo stesso lavoro che ha sempre fatto in casa ma a pagamento, in casa di altri.
  • Sono presenti 2 commenti
 

Cerca  su Quotidiano.net nel Web

LA FOTO DEL GIORNO

Una ragazza al Motor Show

Nuovo romanticismo

La dichiarazione d’amore più bella? Tre donne su cinque non hanno dubbi: l’hanno ricevuta in macchina. Un'indagine rivela che l'automobile si piazza al primo posto dei momenti romantici, distanziati ristorante e panchina del parco

LEGGI LA NOTIZIA