Italia News
        

Leggi il giornale         Prova GRATUITA
Scopri le nostre edizioni locali

Cronaca

CHOC NEL PADOVANO

Sesso sui sedili dello scuolabus
in cambio di ricariche per cellulari

Lo 'scambio' avveniva tra ragazzini delle medie: i maschi convincevano le compagne a a prestarsi per fugaci incontri sessuali e le 'pagavano' con le ricariche Commenta

Dimensione testo Testo molto piccolo Testo piccolo Testo normale Testo grande Testo molto grande

Padova, 6 marzo 2008 - Una incredibile vicenda scuote Campodarsego, piccolo centro del Padovano: al sindaco del paese Paola Candiotto è arrivata la notizia che alcuni ragazzini delle scuole medie, nel corso dell'anno passato, avevano avviato un proficuo traffico fatto di favori sessuali in cambio di ricariche per telefoni cellulari.

 

La notizia era nell'aria, ma solo adesso è arrivata sul tavolo del primo cittadino, che si è detta allibita ma ha subito avviato delle contromisure per rimettere a posto la situazione. Secondo quanto riferito da "Il Mattino di Padova", ragazzini tra i 10 e i 14 anni convincevano le loro coetanee a prestarsi per fugaci incontri sessuali che avvenivano nelle ultime file di sedili dello scuolabus.

 

Niente di grave, a quanto sembra, solo palpeggiamenti e poco altro, in cambio di ricariche telefoniche di 10, al massimo 15 euro. Tutti consenzienti, tutti d'accordo, ma la faccenda è arrivata alle orecchie degli adulti e fino al sindaco, che ora ha deciso di munire i 300 circa ragazzini delle medie del paese di una tesserina con le proprie generalità e di destinare a ogni alunno a un posto fisso nello scuolabus, per evitare promiscuità imbarazzanti.

Avvertite anche le famiglie. Più che il fatto in sè, resta ora la sorpresa per una vicenda che si ha difficoltà a chiarire con gli stessi interessati.

  • 06/03/2008 10:23

    Ho letto e seguito alla TV il caso "Corona".Vorrei fere delle considerazioni.Lui stesso dice che si e' fatto fregare come un cretino.....ricevendo,per una serata di lavoro,4000 Euro falsi,senza rendersi conto....Penso che avra' una ricevuta di questo pagamento!!!E poi,afferma anche,che finora ha guadagnato milioni di Euro con il suo lavoro...(???)Da buon cittadino,quale che si definisce,dovrebbe aver pagato le tasse su questi iperbolici guadagni.Penso che sia possibile accertarlo...Un'altra cosa...il mister e' accusato di diversi reati.E' possibile che sia ancora libero di girare come vuole?Non e' molto educativo,soprattutto per i giovani che seguono alla TV queste notizie e che si convincono,che in Italia sia tutto lecito..
  • 06/03/2008 10:36

    A quanto pare questi ragazzini hanno compreso bene quello che gli è stato insegnato: i soldi sopra qualsiasi cosa. D'altra parte un bambino di 10, massimo 14 anni che si trova col cellulare scarico come può fare? La prossima volta che gli comprano uno scooter ultima moda e rimangono senza benzina cosa faranno?
  • 06/03/2008 11:04

    c'e' totale crisi di valori........ modelli televisivi cosi' devastanti per gli adolescenti dove tutto e' dovuto,, tutto si puo' ,,tutto e' concesso .......poveri genitori cosi' disperati cosi' impreparati,quanto al ''belloccio'' (corona) seguivo ieri sera un programma dove si parlava di assassini condannati a ergastoli plurimi che dopo 10 15 anni di galera sono fuori,,,figuriamoci il belloccio........senza speranza.........marco
  • 06/03/2008 13:29

    Io ho 29 anni e a 14 giocavo ancora con la Barbie... no comment...
  • 06/03/2008 17:14

    mi sa che stiamo arrivando alla frutta... io a 14 anni avevo solo il calcio e l'andare bene a scuola altrimenti non giocavo a calcio...non è possibile che la nuova generazione sia così "free-mind"... io noto questo cambiamento generazionale dai nati dopo l'88....e non è una spocchioneria la mia...è una costatazione che proprio alcuni giorni fa facevamo in casa con i miei coinquilini, tutti universitari... che dio ce la mandi buona a questo punto...
  • 06/03/2008 18:10

    Beati loro ! ai miei tempi non era cosi, nemmeno se le offrivi una gazzosa.... Marco .Mi.
  • 06/03/2008 18:23

    a 10 / 14 anni non mi sfiorava neppure l'idea del sesso...
  • 06/03/2008 18:30

    Non capisco lo scandalo. Da studente ho sempre fatto il pendolare in pulmann. Viaggiavano ragazzi e ragazze e bisognava pur passare il tempo in qualche modo. Però ai miei tempi non c'erano i telefonini e quindi non si pagavano neanche le ricariche. Era tutto gratis. Tranne il pulmann.
  • 06/03/2008 19:08

    Credo che la vicenda sia grave per il semplice fatto che le prestazioni fossero retribuite, in qualche modo. Ma numerare i sedili può risolvere la situazione o è meglio ridare al sesso la sua dimensione privata? In TV si parla sempre di sesso, anche in ore pomeridiane; a scuola i giovani non parlano d'altro. Ragazzine di 14 anni che già hanno avuto rapporti sessuali completi! Noi adulti dovremmo fare marcia indietro: avevamo detto che il sesso non è niente di male, ora dovremmo spiegare che il sesso andrebbe associato all'amore.
  • 06/03/2008 19:16

    ma pensino a cambiare quell'orribile nome al paese e lascino in pace i ragazzini. Choc: choc cosa? non hanno altro di cui choccarsi? e le tariffe telefoniche? anche io idiota che commento...
  • 08/03/2008 17:20

    Trovo che sia un'episodio che non dovrebbe stupire nessuno più di tanto visto che i bambini e gli adolescenti vivono ormai nel mondo degli adulti e hanno perso completamente la dimensione puerile della vita. Del resto se si pensa che l'Italia è al primo posto tra i paesi con il maggior numero di uomini che fanno turismo sessuale in paesi come brasile o thailandia dove le prostitute bambine sono la "merce" più ambita...Io poi ho fatto unità di strada a padova per tre anni con un'associazione e dal numero di persone prostituite in strada si puo' facilmente capire che i ragazzi (in generale, non mi riferisco specificamente a quelli di camposampiero), hanno come primo esempio genitori sessualmente insoddisfatti e che vivono il sesso come una merce che si compra e madri troppo pigre per affrontare la realta'!
  • Sono presenti 11 commenti
 

Cerca  su Quotidiano.net nel Web

LA FOTO DEL GIORNO

Aborto, sit in davanti alla sede del Foglio di Giuliano Ferrara

Aborto, donne in sit-in
in difesa della 194

Un gruppo di donne manifesta davanti alla sede del quotidiano ''Il Foglio'', diretto da Giuliano Ferrara, a difesa della legge 194. 'La maternita' non e' una fatalita', ma una scelta responsabile'', è uno degli slogan