HOMEPAGE > Cronaca > Enit, fine commissariamento Brambilla: Marzotto presidente

Enit, fine commissariamento Brambilla: Marzotto presidente

Lo ha detto, intervenendo al convegno d’apertura del Sia Guest di Rimini, il ministro del Turismo anticipando che intende riconfermare alla presidenza l’imprenditore Matteo Marzotto

Stampa l'articolo Invia per e-mail Clicca due volte su qualsiasi
parola di questo articolo per
visualizzare una sua definizione
tratta dai dizionari Zanichelli
| | condividi
Il ministro Michela Vittoria Brambilla (foto Alive)

Roma, 20 novembre 2010 - Sta per concludersi la fase di commissariamento dell’Enit. Lo ha detto, intervenendo oggi al convegno d’apertura del Sia Guest di Rimini, il ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla. "Due giorni fa - ha spiegato il ministro - ho firmato il decreto relativo alla ricostituzione degli organi e ora è all’esame della conferenza Stato-Regioni. Considero quindi che, in brevissimo tempo, l’agenzia uscirà dalla fase di commissariamento e potrà operare con un nuovo consiglio di amministrazione, nel quale sarà rappresentata anche la voce delle imprese".

Michela Vittoria Brambilla ha inoltre anticipato che intende riconfermare alla presidenza l’imprenditore Matteo Marzotto.

"Sono molto soddisfatta - ha affermato - del lavoro che ha svolto, i cui risultati sono sotto gli occhi di tutti. Bravo Marzotto e bravo il direttore generale Paolo Rubini. La loro guida - ha concluso - ha segnato un importante risultato in termini di ottima gestione delle risorse, espansione su nuovi mercati, qualità della promozione e innovazione degli strumenti di marketing e comunicazione".


In ottobre oltre 8 milioni di italiani hanno trascorso almeno una vacanza fuori casa, quasi il 16 per cento della popolazione, in aumento rispetto allo scorso anno quando la quota di vacanzieri è stata pari al 12 per cento. Lo ha detto oggi, agli "stati generali del turismo" di Confesercenti in corso a San Rossore (Pisa), il ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla, citando il rapporto mensile dell’Osservatorio nazionale del Turismo. Più di tre quarti dei turisti - ha proseguito il ministro sulla base dell’indagine - hanno approfittato del lungo week-end dal 28 ottobre al primo novembre, più lungo di quello dello scorso anno grazie alla coincidenza del giorno di festa con il lunedì. Per lo più il raggio della vacanza è stato nazionale: quasi 8 turisti su 10 hanno preferito destinazioni italiane, in media un turista in più rispetto allo scorso anno. Il 15 per cento ha scelto la Toscana.

Più ricercate rispetto al 2009, le città d’arte si confermano meta preferita per la vacanza di ottobre, sia in Italia che all’estero (rispettivamente il 43,5 per cento e 69,6 per cento delle vacanze). La classifica delle scelte vede poi al secondo posto le località di mare (23,3 per cento in Italia, 29,1 per cento all’estero) e la montagna (20,7 e 9,8 per cento), quest’ultima più richiesta rispetto allo scorso anno. Di fronte agli operatori di Confesercenti, il ministro ha ricordato che l’industria turistica italiana "si è difesa bene" in un contesto difficile. "Nel primo semestre del 2010 - ha sottolineato - gli arrivi dall’estero sono aumentati del 5,3 per cento, mentre altri competitori diretti sono rimasti indietro. Basti pensare al +0,4 per cento della Spagna e al +2,2 della Francia, con la Grecia penalizzata dal forte disagio sociale per il rischio default. Un’autorevole conferma arriva da Bankitalia: nei primi otto mesi del 2010 le spese dei viaggiatori stranieri in Italia, per 20.476 milioni di euro, sono aumentate dell’1 per cento".

Articoli correlati
Edicola On Line
Quotidiano.net su Facebook
Le offerte di Quotidiano.net

DietaClub

Inserisci il tuo peso e altezza
per ottenere il tuo profilo dieta
Altezza: cm
Peso: kg
 
 

Il Gioco Ufficiale de L'eredit di Rai Uno

L'Eredità

Vinci anche tu all’Eredità, il gioco online ufficiale tratto dal programma tv di Rai Uno!


Gioca a Burraco

MioFotoLibro

Album di Figurine

Per chi studia e per chi suda. Finanziamento album. Guadagna con l'album di figurine.