Notizie locali Bologna / Modena / Pesaro / Rimini / Firenze / Arezzo / Livorno / Prato / Milano / Bergamo / Lodi / Monza Brianza Tutte le città

Onu: una persona su dieci non riceve le cure palliative

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato il rapporto: “Global Atlas of palliative care at the end of life”

di Donatella Mulvoni

Una persona su dieci non riceve cure palliative
Una persona su dieci non riceve cure palliative

NEW YORK, 29 gennaio 2014- Quando il percorso verso la guarigione è lungo e difficile, o anche quando ormai si avvicina alla morte, il paziente deve soffrire il meno possibile. Sembra una banalità o una verità scontata, ma il rapporto pubblicato oggi dall’Onu, attraverso l’Organizzazione Mondiale della Sanità, in collaborazione con il Worldwide Palliative Care Alliance (WPCA), ci informa che la realtà è ben diversa.


Solo un malato su dieci ha accesso alle cure palliative, cioè a quelle cure che non agiscono sulla causa, ma che sono essenziali per eliminare il dolore. Il  “Global Atlas of palliative care at the end of life” è il primo rapporto che si impegna a mappare, studiandone anche la disponibilità, I casi e le aree in cui c’è bisogno di questo tipo di cure.


“Il palliativo è qualcosa di più del sollievo dal dolore. E’ un processo che aiuta il paziente gravemente malato ad affrontare la sofferenza fisica e psicosociale ed è anche un supporto ai famigliari che devono provvedere all’assistenza della persona cara”, spiega un comunicato dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.


Sempre secondo i dati forniti dall’Organizzazione, un terzo delle persone che hanno bisogno di queste cure, sono malate di cancro. I due terzi sono pazienti che hanno gravi problemi al cuore, polmone, fegato e ai reni, o altre malattie per cui rischiano la vita, come la tubercolosi e l’AIDS.


Quando nel rapporto si legge che una persona su dieci non riceve questo supporto, significa che, secondo le stime, nel mondo sono circa 20 milioni i malati, arrivati quasi al termine della loro vita, esclusi dal trattamento palliativo. Circa l’80 per cento di questi si trovano nei paesi a medio-basso reddito.
Il “Global Atlas of palliative care at the end of life” è stato redatto in collaborazione con  il Worldwide Palliative Care Alliance (WPCA), una nuova alleanza globale di azione formatasi per promuovere lo sviluppo appunto di  cure palliative in tutto il mondo.

Condividi l'articolo
Segui le notizie su Facebook

Segui le notizie di Quotidiano.Net su Facebook