HOMEPAGE > Motori > 500 a stelle e strisce 3 modelli per sfondare In Usa è subito boom

500 a stelle e strisce
3 modelli per sfondare
In Usa è subito boom

La piccola torinese ha fatto il suo debutto ufficiale al Salone dell'auto di Los Angeles. Entusiasta Marchionne: “Oggi è un grandissimo giorno, sono contentissimo e orgoglioso di essere italiano"

| | condividi

Los Angeles, 18 novembre 2010 - La Fiat 500 a stelle e strisce fa il suo debutto ufficiale sul mercato Usa. Dopo 27 anni l’avventura americana di Fiat riparte proprio con la piccola torinese, icona dell’automobilismo italiano. A battezzare il lancio ufficiale al Salone dell’auto di Los Angeles, dopo mesi di attesa, è stato l’amministratore delegato della casa torinese, Sergio Marchionne, con il numero uno del Lingotto in Nord America, Laura Soave.
“Oggi è un grandissimo giorno, sono contentissimo e orgoglioso di essere italiano. Sono 27 anni di assenza dal mercato americano e torniamo con orgoglio”, ha commentato Marchionne, che ha ricordato l’obiettivo di vendere 50mila auto nel 2011 e anche di più l’anno successivo.
 

Grande soddisfazione è stata espressa anche da Laura Soave che è arrivata sul palco a bordo di una ‘vecchia’ 500 rossa. La Fiat 500 americana “è il primo risultato tangibile della storica alleanza fra Fiat e Chrysler, ha detto, aggiungendo che “la 500 è l’auto giusta al momento giusto. E ora è il momento per la 500 di essere guidata dagli americani”. La Soave ha poi spiegato che negli Usa il mercato delle ‘piccole’ “sta crescendo più velocemente degli altri segmenti”.
 

La 500 americana sarà prodotta in Messico, sarà diffusa inizialmente in tre modelli (Pop, Sport e lunge) e tre colori (rosso, bianco e grigio), mentre per il 2011 è attesa la versione cabrio e successivamente anche la versione elettrica. Sarà venduta a partire da 15.500 dollari (circa 11mila euro) anche da concessionari non Chrysler. Ai 130 concessionari Chrysler selezionati negli Stati Uniti per vendere la 500, se ne aggiungeranno fino a raggiungere quota 165. Già prima ancora del suo debutto ufficiale la piccola torinese che avrà la dicitura per esteso ‘Cinquecento’ nel logo (per costringere gli americani a pronunciarla per esteso), è già andata a ruba: è stata richiesta da 500 clienti, che hanno già versato a Chrysler l’anticipo, mentre oltre 1.000 automobilisti attendono in lista.