HOMEPAGE > Motori > Ecco la nuova Honda Civic Design spaziale, motori super.

Ecco la nuova Honda Civic
Design spaziale, motori super

Prima prova su strada in Andalusia per la nuova Honda Civic 2012. Ecco le sensaziomi di guida del nostro inviato Roberto Mazzanti

| | condividi

MALAGA 4 novembre 2011 _ C’era molta attesa per il debutto della nuova Civic, modello di indiscusso successo di Honda nel segmento C (dal 1972 ad oggi ne sono state vendute 20 milioni di unità nel mondo): i fans temevano che con il restyling potesse perdere l’unicità della sua linea, quella che è stata paragonata ad una sorta di navicella spaziale. Ebbene possiamo tranquillizzarli: Civic resta una vettura inconfondibile, ricca di fascino e di personalità. Ora il suo design è meno futuribile, sono spariti i doppi scarichi posteriori a forma triangolare, gli specchietti retrovisori alla Star Trek, la mascherina in plexiglass delle luci anteriori che riempiva tutto il frontale, il lunotto dal taglio originale, ma che impediva una perfetta visibilità nelle manovre.
Questi “eccessi” sono stati cancellati senza incidere però su personalità e carisma che fanno di Civic una vettura unica. Ora il frontale ricorda lo stile della ibrida Insight; le luci posteriori vanno da un lato all’altro con una funzione supplementare di spoiler che, insieme al fondo piatto, ottimizza il flusso aerodinamico. Così si spiega anche lo straordinario Cx di 0,27 favorito dallo Start&Stop di serie e dal lavoro da “orologiai” che i tecnici giapponesi hanno adottato per massimizzare il rendimento del motore più potente, il diesel di 2.2 litri con turbo a geometria variabile da 150 cv che nel ciclo misto dichiara una percorrenza di 23,8 km con un litro di gasolio.
Provata su strada tra Marbella, Estepona e Cadice, in un’area di Spagna imbronciata per le nuvole e la pioggia, la nuova Civic con questo turbodiesel da 2.2 litri si è dimostrata scattante (0-100 in 8,5”), silenziosa, con un piacevole assetto mai troppo rigido e con una straordinaria capacità di riprendere senza buchi da un basso numero di giri grazie alla coppia di 350 Nm. Nonostante queste qualità, Il 2.2 diesel sembra destinato ad essere surclassato da un piccolo ma rivoluzionario 1.6 litri, sempre a gasolio, atteso per la fine del 2012. Su questo propulsore, che sarà il capostipite di una famiglia destinata a rilanciare la Honda dopo le difficoltà create dallo tsunami, si accentrano il 65% delle prospettive di vendita della nuova Civic, davanti all’1.4 a benzina e all’altro benzina di 1.8 litri i-VTEC.
L’abitacolo conserva lo stile da navicella spaziale con il cruscotto a tre elementi circolari sormontato da un’ampia palpebra con indicazioni digitali su velocità, temperatura, livello del carburante. Pur avendo mantenuto sostanzialmente le dimensioni del modello precedente, la nuova Civic dà l’impressione di essere più accogliente. A questa sensazione contribuiscono gli interni eleganti in pelle o tessuto e le plastiche di buona qualità. Anche l’accesso è migliorato grazie alle portiere posteriori di dimensioni superiori. Ricca la dotazione di sistemi elettronici di aiuto alla guida: ci sono la frenata che mitiga l’impatto del tamponamento in caso di distrazione del pilota, il controllo adattivo della velocità, lo spegnimento automatico degli abbaglianti, la ripartenza agevolata in salita, lo Start&Stop di serie e la Smart Key che è sufficiente tenere in tasca per avviare l’auto.
Per completare il quadro mancano però i prezzi che saranno comunicati al prossimo Motor Show di Bologna. Il lancio commerciale è previsto per gli inizi del 2012, mentre il piccolo, miracoloso diesel di 1.6 litri arriverà solo alla fine del prossimo anno.

di Roberto Mazzanti