HOMEPAGE > Motori > Supercar e nuove tecnologie nel cuore del Motor Show.

Supercar e nuove tecnologie
nel cuore
del Motor Show

Un padiglione per le nuove tecnologie e uno spazio tutto dedicato alle supercar. C'è anche questo nel Motor Show numero 36 (3-11 dicembre) presentato ieri a Bologna

| | condividi
La Huayra Pagani, una delle supercar del Motor Show

BOLOGNA 23 novembre 2011 _ E’ stata presentata questa mattina la 36^ edizione del Motor Show di Bologna, Salone Internazionale dell’Automobile che si svolgerà a BolognaFiere dal 3 all’11 dicembre 2011. L’1 dicembre sarà la giornata dedicata alla stampa, mentre il 2 dicembre l’ingresso sarà riservato a giornalisti e operatori economici. Il biglietto d'ingresso costa 24 euro, 19 se prenotato via Internet.


Giada Michetti, Amministratore Delegato di GL events Italia, società organizzatrice del Salone, ha inquadrato la manifestazione nel momento particolare del mercato automotive: “L’edizione del Motor Show che oggi presentiamo è già un successo per presenze, contenuti ed iniziative. Siamo nell’ anno non OICA, e per questo voglio ringraziare tutti coloro che hanno scelto di esserci nonostante tutto, decidendo di promuoversi attraverso una vetrina unica ed originale come il Motor Show. Personalmente penso che sia assolutamente inutile riprendere gli ossessivi temi della crisi, preferisco cogliere ed individuare gli aspetti positivi di un periodo tanto tormentato. Dopo il record mondiale registrato nel 2007 con 49,3 milioni di autovetture immatricolate abbiamo assistito ad un calo del 2% nel 2008 e nel 2009, ma già nel 2010 si è raggiunto un nuovo record assoluto con 52,3 milioni di autovetture.


''Nel 2011 la crescita a livello planetario continua e questo ci rende ottimisti: è vero che viene trainata in larga parte dai paesi di più recente motorizzazione di massa (Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa) mentre la situazione resta più complessa nei paesi a motorizzazione avanzata, ma è altrettanto vero che la maggior parte dei gruppi automobilistici giocano questa partita e su questa redigono i propri bilanci. Il mercato europeo dell’auto continua a configurarsi debole ma non in caduta: il consuntivo dei primi dieci mesi chiude con 11.505.000 immatricolazioni e con una contrazione dello 0,9% rispetto al 2010. Secondo il Centro Studi Promotor GL events negli ultimi due mesi dell’anno non vi dovrebbero essere variazioni di tendenza e quindi il 2011 dovrebbe chiudersi sui livelli dell’anno precedente. Venendo alla situazione italiana, nel 2010 vi è stato un calo del 9,3% e per il 2011 si prevede un calo dell’11% con un volume di immatricolazioni intorno a 1.750.000 unità. Non si tratta di un livello elevato rispetto ai picchi del periodo antecrisi ma è comunque un volume da grande mercato dell’automobile, destinato a ritornare ai livelli antecrisi. La visione positiva del futuro viene da fatti oggettivi che si aggiungono a qualcosa di indiscutibile: nonostante tutto, la voglia di auto nel nostro Paese resta sempre molto forte”.


L’obiettivo dell’amministratore delegato Giada Michetti si è poi spostato su alcuni temi dell’edizione 2011 del Motor Show: “Sarà uno specchio fedele di quanto l’industria dell’auto stia facendo per rendere la mobilità sempre più sicura e sostenibile nella consapevolezza che se oggi all’auto non vi sono alternative, proprio l’auto deve continuare ad evolversi cercando di anticipare le esigenze delle persone e del mondo nel quale viviamo. Dall’ultima rilevazione condotta dalla Doxa per GL events emerge che il 12% della popolazione adulta italiana (6 milioni di persone) ha intenzione di visitare il prossimo Motor Show di Bologna e che sempre il 12% della popolazione italiana è propenso ad acquistare una nuova auto entro il 2012.


''Dati positivi e tali da consentirci di essere confidenti per il prossimo Motor Show 2011, una grande e preziosa realtà per il settore e una certezza per il mercato e per il suo pubblico. Noi amiamo l’automobile, e sappiamo di avere a che fare con un prodotto unico, che non ha eguali e che prima di tutto rappresenta un piacere: ogni anno il Salone propone qualcosa in più ma da sempre è la passione del pubblico per l’automobile che fa del Motor Show un evento unico e rivoluzionario. Noi abbiamo mantenuto tutto ciò che avevamo ipotizzato nel nostro road show, che risale circa a sette mesi fa: la nostra parte l’abbiamo fatta con la passione e la professionalità che contraddistingue un gruppo di lavoro consolidato che conosce il mercato e ne sa interpretare le tendenze”.


Simona Sandrini, Automotive Events Manager di GL events Italia, ha illustrato nel dettaglio le peculiarità di questa edizione 2011 del Motor Show di Bologna: “Abbiamo esordito in passato trasformando un parcheggio in un circuito, la Mobil 1 Arena, ma non ci siamo fermati a questo. A partire dallo scorso anno, un intero padiglione, il 30, è diventato una pista per vetture elettriche con la nascita di Electric City, focus legato alla mobilità elettrica realizzato anche quest’anno, con un layout ancora più spettacolare che illustrerà la città del futuro, in collaborazione con un partner importante come Enel.


'' Grazie a questa esperienza positiva, per l’edizione 2011 abbiamo deciso di realizzare nel padiglione 25 niente meno che un pezzo di vera autostrada con cartelli, telepass e segnaletica: è l’inedito focus Innovation Hall powered by Autostrade per l’Italia, realizzato in collaborazione con Anfia e interamente dedicato alle nuove tecnologie. L’innovazione spesso viene applicata al prodotto di alta gamma, noi siamo convinti che le auto da sogno siano una visione irrinunciabile per il nostro pubblico e così al padiglione 32 nasce Luxury Time, una prima assoluta dedicata alle supercar e a una selezione di alta orologeria che avrà come media partner il magazine Monsieur.


''Un’altra iniziativa speciale è nata grazie al coinvolgimento di Asi, Automotoclub Storico Italiano, che rappresenta istituzionalmente il motorismo storico italiano: Icon Cars, un’esposizione di vetture che hanno fatto la storia dell’automobilismo al padiglione 31. Le regine del Salone saranno le Case Automobilistiche: i brand che quest’anno hanno deciso di accompagnarci nell’avventura del Motor Show 2011 sono Abarth, Alfa Romeo, Audi, Blow Car, Dacia, DR, Ferrari, Fiat, Ford, Jaguar, Jeep, Kia, Honda, Hyundai, Isuzu, Lamborghini, Lancia, Land Rover, Lotus, Mahindra, Maserati, Mazda, McLaren, Mitsubishi, Pagani, Porsche, Renault, Seat, Skoda, Tata,Volkswagen, Volvo.
''Vista la presenza di marchi e la presenza di gruppi importantissimi con lanci strategici per il mercato italiano, il Motor Show torna alla sua dimensione consueta occupando praticamente tutto il quartiere fieristico tornando al layout del 2008, incluse le aree esterne per i test drive, che saranno otto. Al padiglione 36 ci sarà Paddock Show powered by Doctor Glass, un parco assistenza con le hospitality più affascinanti dei vari campionati motorsport e aperto al pubblico che avrà come media partner Gazzetta dello Sport. Non mancheranno, come da tradizione, gare ed esibizioni sul circuito della Mobil 1 Arena che quest’anno avrà la colonna sonora di radio M20: la scuderia Ferrari di Formula Uno sarà di scena con Giancarlo Fisichella sabato 3 dicembre, poi nel primo weekend, il ritorno del Penn Rich by Woolrich Freestyle Motocross e il consueto gran finale con il Garnier Fructis Memorial Bettega di rally titolato con i piloti e le auto del Mondiale Rally e due guest star a due ruote come il campione del mondo Motocross Tony Cairoli su Citroen e Andrea Dovizioso su Ford, per la cui partecipazione ringraziamo Redbull”.