HOMEPAGE > Politica > Evelina:"Io e Silvio ci addormentavamo a seggiolina con la mentina"

Evelina:"Io e Silvio ci addormentavamo a seggiolina con la mentina"

Evelina Manna, ex modella, 38 anni, ha raccontato a 'Oggi' la love story con il premier: "Gli piace addormentarsi abbracciati. Veniva a letto con una iodosan per avere l'alito fresco. A volte lo beccavo alle 5 del mattino al telefono con qualche amica" 

Stampa l'articolo Invia per e-mail Clicca due volte su qualsiasi
parola di questo articolo per
visualizzare una sua definizione
tratta dai dizionari Zanichelli
| | condividi
Intervista a Evelina Manna, 'La mia storia d'amore con Silvio B.'

Roma, 18 gennaio 2011 - Evelina Manna svela per la prima volta la sua storia d'amore con Berlusconi: "Il presidente non è come lo stanno descrivendo. Ora vi racconto io il suo lato tenero e romantico. Legge Erasmo da Rotterdam, ma anche il Piccolo Principe".

A parlare così di Silvio Berlusconi è Evelina Manna, ex modella, attrice, più volte segnalata tra le amiche del premier. "Ma io a essere associata a questa fauna volgare non ci sto", puntualizza, forte di una relazione d’amore durata anni e puntellata da episodi di intima vicinanza, e da momenti di tensione: "L’affaire D’Addario, che io non digerivo. Proprio come lui non digerì le mie foto con Massimo Cacciari". Proprio nel momento in cui il premier rivela di coltivare da anni una segreta relazione d’amore, Evelina esce allo scoperto. E lo fa per la prima volta.

Perché ha deciso di raccontare ora questa storia?

"Perché c’è troppa volgarità attorno a una persona che con le donne non ha il rapporto che si sta descrivendo. Si è scesi troppo in basso, si rasenta il vuoto. Certo, lui ha delle scivolate ogni tanto, ma ha un lato femminile molto profondo, le donne le conosce bene. Posso dirlo perché gli sono stata molto vicina. Ogni volta che mi sono vista accostare a questa gente che ritengo indegna, che fa mercimonio spiccio e vive di do ut des ho sofferto molto, per me e per lui".

Lei e il presidente avete un legame diverso.

"Quando è stato male c’ero io accanto a lui. E questo crea un’intimità che va al di là della sfera sessuale. È più intimo fare la nannina a seggiolina stretti stretti, con la mentina in bocca, che far sesso".

È più intimo far che cosa?

"Lui la chiama la nannina. Gli piace addormentarsi 'a seggiolina', abbracciati".

E che c’entra la mentina?

"Quando dormivamo insieme, lui veniva a letto con una Iodosan e ci si addormentava".

Col rischio di strozzarsi nel sonno. Ma perché lo faceva?

"Beh, ecco.. A lui piace essere sempre profumato. È un gesto di riguardo e affetto verso la donna che dorme con lui".

Prima parlava della volgarità attorno al presidente. A cosa si riferisce?

"A queste quattro invasate che si vedono sui giornali, che sanno bene come funziona la comunicazione e la sfruttano per emergere velocemente. Io all’età loro ero Candy Candy. Oggi invece c’è posto anche per le filosofe on the road…".

Quindi a lei interessa ristabilire la verità sul presidente.

"Oddio. Io non è che ho il Verbo! C’è però un suo lato etico-sentimentale che non emerge affatto da tutto quello che si sta dicendo su di lui. E siccome so che ha avuto anche episodi di affetto nella sua vita, ritengo giusto che si dica. Se no sembra solo uno che frequenta signorine… Farei pagare loro per andare con lui".

Scusi?

"Mettiamo un salvadanaio all’ingresso delle sue residenze, e ognuna che entra ci mette 50 euro. Poi li diamo in beneficenza per i bambini meno fortunati".

Quelle intervistate in questi giorni, e nei giorni degli scandali sessuali che hanno travolto il premier in passato, non fanno che ripetere che l’adorano, che è solo un uomo molto generoso…

"Andiamo oltre queste dichiarazioni da rassegna stampa. Ho vissuto con lui una storia sentimentale e pulita, e credo di poter dire qualcosa di più, qualcosa di più significativo".

Giusto. Parliamo della vostra storia d’amore. Da quanto dura?

"Una storia così ha alti e bassi, non attacchiamoci alle date".

Ci dica almeno quando è iniziata.

"Ci siamo conosciuti a settembre del 2005. Lui aveva letto una mia intervista a 'Capital', gli era piaciuta e mi ha chiamato".

Cosa c’era scritto di tanto eccezionale?

"Avevo solo detto che il mio uomo ideale avrebbe dovuto avere l’eleganza di John John Kennedy, i colori del Che e l’astuzia del presidente".

E lui chiamò per ringraziare.

"Sì, ma dopo quattro-cinque mesi… lo mandai a quel paese pensando a uno scherzo".

(...)

A un certo punto lui inizia a circondarsi di ragazze. Nella primavera 2007 abbiamo pubblicato su Oggi anche le prime foto scattate da Antonello Zappadu a Villa Certosa, quelle in cui Berlusconi è in compagnia di ragazze.

"Ma a me non interessa niente di quello che lui può fare a livello di puro intrattenimento. A me interessa questo [e si batte la mano destra sul cuore, ndr], ed è la prima cosa che gli ho detto. Basta con questo dilemma eterno delle donne, che devono per forza far coincidere il sesso col cuore. Purtroppo gli uomini li separano, che ci dobbiamo fare?".

Quindi lei non è mai stata gelosa.

"Beh, certe volte sì, ma è normale… A volte mi svegliavo e lo trovavo in bagno alle 5 del mattino a parlottare al telefono a bassa voce con qualche amica. E lui negava, come un adolescente".

Mai una scenata?

"Una volta gli ho scarabocchiato tutti gli specchi di casa con il rossetto, gli ho rotto tutti i quadri di queste pseudo-pittrici per mancanza di prove, come direbbe Roberto D’Agostino".

(...)

Un rapporto esclusivo, il vostro, quindi.

"C’è già poco tempo per vederci, lo devo pure dividere? A me il condominio non è mai piaciuto. Basta vedersi lontano dalle sue residenze ufficiali. Due cuori e una capanna… Anche se poi capanna non è".

(...)

Ha mai fatto follie per lui?

"Quando lo scorso anno subì l’attentato a Milano mi sono dovuta travestire da benzinaio per andarlo a trovare. E non mi ha fatto neanche salire".

E perché?

"Gli era saltato il dente e non voleva farsi vedere senza".

Anche con lei il premier è stato generoso come hanno raccontato altre ragazze?

"Premesso che non si è mai azzardato a parlare di buste e cose simili, tra i due ero io a fargli regali".

Per esempio?

"Il primo in assoluto fu una coppia di candelabri di Murano a forma di Pinocchio".

Perché proprio Pinocchio?

"Perché persino lui, rarissimamente, dice qualche bugia".

(...)

Lo sa che questa intervista potrebbe creare dei problemi al presidente, in vista del divorzio dalla Signora Lario?

"Ma cosa vuole che cambi un’intervista…".

E lo sa che il lettore si sta chiedendo se è lei la donna cui il premier alludeva nel suo videomessaggio?

"E lasciamola, un po’ di suspance".

di Marianna Aprile (tratto da 'Oggi')

comments powered by Disqus
Articoli correlati
Quotidiano.net su Facebook
Le offerte di Quotidiano.net

DietaClub

Inserisci il tuo peso e altezza
per ottenere il tuo profilo dieta
Altezza: cm
Peso: kg
 
 

Briscola

BRISCOLA

Oggi la briscola è “coppe”. Gioca le tue carte e vinci il jackpot!


Gioca a Burraco

MioFotoLibro

Album di Figurine

Per chi studia e per chi suda. Finanziamento album. Guadagna con l'album di figurine.