C’è una speranza per i Down: "Possiamo guarire quei bambini"